Ubicazione geografica Ubicazione fisica
  • Latitudine
  • 42.76 Nord
  • Altezza termoigrometro
  • 200 cm
  • Longitudine
  • 13.95 Est
  • Schermatura
  • Schermo passivo like Davis
  • Altitudine
  • 80 metri s.l.m.
  • Tipologia
  • Semi-urbana
  • Posizione del luogo
  • Pianura
  • Terreno
  • Prato erboso
  • Clima
  • Cf scala Koppen
  • Altezza anemometro
  • 400 cm
    Strumentazione
    Stazione meteo WMR200
    Descrizione morfologica e climatologica della località

    Il comune di Giulianova – che si estende tra i fiumi Salinello e Tordino – confina a Nord con Tortoreto, ad Est con il Mare Adriatico, a Sud con Roseto degli Abruzzi e ad Ovest con Mosciano Sant’Angelo. Prosperosa città fra le più popolose ed economicamente importanti della provincia di Teramo, si distingue per una propendente vocazione commerciale, collocandosi, per ciò, tra le più frequentate stazioni balneari del Medio Adriatico. Spesso fregiatasi della Bandiera Blu - eco-label volontario assegnato alle località turistiche balneari che rispettano criteri relativi alla gestione sostenibile del territorio, Giulianova ha di fatto sfruttato questo importantissimo riconoscimento internazionale anche per migliorare concretamente le infrastrutture dell’unico porto della provincia tra i quattro della Regione Abruzzo. La veloce urbanizzazione verificatasi negli ultimi decenni ha comportato una vera e propria saldatura dell’agglomerato abitativo pur continuando a distinguersi, oggi, Giulianova Paese – presente nella parte alta del territorio, quella storica – e Giulianova Lido – più moderna, che si estende lungo la non lontana linea costiera. Presso le suddette località sono presenti due distinte stazioni meteorologiche. In particolare: a Giulianova alta (parte più collinare del paese) è posizionata una Oregon VMR200 (altezza sensore termoigrometrico dal suolo mt. 2,20, altezza anemometro mt. 5), mentre a Giulianova Lido risulta allocata una Davis VUE (gruppo sensori termoigrometrici e rilevatore eolico compattamente situati ad un’altezza di 2 metri dal suolo). In tale ultima località si osservano - stanti la vallata, la presenza del vicino fiume Tordino e più alti tassi di umidità relativa – fenomeni di più che accennata inversione termica rileganti brinate di una certa consistenza. Giulianova presenta un clima di tipo temperato con inverni relativamente tiepidi ed estati contraddistinte da temperature elevate, ma non torride, con picchi di 40° comunque sfiorati nel mese di agosto del 2017. Le temperature medie invernali sono di poco superiori ai 7°, mentre quelle medie estive si collocano attorno ai 23°. Le precipitazioni sono comprese fra i 700 e gli 800 millimetri annui e, sebbene i mesi autunnali e invernali siano i più piovosi, la stagione calda presenta una siccità meno marcata di quella riscontrabile in altre aree mediterranee per via dei temporali di calore che spesso si sviluppano nelle non lontane aree montuose. Peculiare caratteristica del clima giuliese è la frequente presenza di ventilazione da Nord o Nord-Est; quest’ultimo, in particolare, è un vento che caratterizza le avvezioni di aria fredda dai vicini Balcani durante la stagione invernale con manifestazioni nevose, fin sulla costa, talvolta copiose quando si verificano con una componente più meridionale o, meglio, se con correnti sudorientali. In coda a tali tipi di eventi si registrano, peraltro – nonostante l’azione mitigatrice del mare possa potenzialmente influire – delle temperature minime inferiori agli zero gradi centigradi. La formazione di foschie dense e nebbie fin sulla fascia litorale non è rara, potendosi manifestare le stesse anche nel corso della stagione estiva, meglio alle prime luci dell’alba.

    Foto

    Dettaglio stazione meteo


    Dettaglio stazione meteo