Febbraio 2012


Dell'aria molto gelida di natura Siberiana, si era messa in cammino da alcuni giorni, sul bordo meridionale dell'anticiclone Russo-Siberiano. Gettandosi nel Bacino del Mar Mediterraneo, riusc a creare un minimo depressionario italico, il quale, a sua volta, richiam aria anch'essa fredda, ma non pellicolare, di estrazione rodanica, pi umida e poi ancora dell'aria sub-tropicale che, essendo pi leggera, facilmente riusca a scorrere su quella pellicolare gelida proveniente dai quadranti orientali di natura Siberiana.
Gi dal tardo pomeriggio del 2 Febbraio il cocktail esplosivo stava partendo con delle nevicate che pian piano si facevano sempre pi copiose un p ovunque sull'Abruzzo. Ma era il mattino seguente, quel 3 Febbraio che difficilmente ogni appassionato meteo dimenticher, che inizi a dettar legge infarinando tutta la regione e certamente l'area circostante con copiose nevicate, sotto una situazione meteo che i modelli proponevano molto simile all'11 Febbraio 1929.
Dai radar poi si notava in tarda mattinata, la formazione di cellule temporalesche che dal golfo di Gaeta, salivano piuttosto velocemente verso la catena montuosa delle Mainarde, scaricando elevate quantit di neve sulla zona di Pescasseroli, sull'area marsicana e sul Molise interno. Ma i temporali nevosi colpirono anche le altre zone dell'Abruzzo, con copiose precipitazioni fin sulla costa. Neanche le zone pianeggianti dell'Agro Romano furono risparmiate: dal primo pomeriggio inizi a nevicare anche nel centro di Roma, con discreti accumuli, che, nei borghi di periferia, toccarono anche i 20 cm. Gran neve su tutta la dorsale Appenninicaa. Tra l'Appennino bolognese, San Marino e Monte Carpegna gli accumuli sono stati da record.
Da notare la linea di convergenza che si posizion appena sopra Napoli fino a Foggia, ove anche nevicava, ma che tutto sommato segnava il confine con l'aria fredda: sulla Sila e sull'Aspromonte ad oltre 1900 metri pioveva a dirotto. Le isoterme, difatti per quel giorno, davano lo zero termico ad 850 hPa proprio nella zona citata e le nevicate arrivavano fino in basso, appunto per l'aria pellicolare, gelida e molto pesante , esistente a tutte le quote.



2 Febbraio - Isoterme


2 Febrraio - Sinottica



3 Febbraio - Isoterme


3 Febrraio - Sinottica



Andamento termico del mese

Per comprendere l'entit del freddo che ha accompagnato l'intero mese, oltre al dato termico di -6,6c di media mensile dei 2000 metri del monte Genzana, si riporta il confronto termico della stazione meteo di Avezzano est, stazione della rete con lo storico pi lungo.
Con una minima media mensile di -6,2c ed una massima media mensile di +3,8c, il mese di febbraio 2012 risulta essere di gran lunga il pi freddo dal 1999. Solo il febbraio 2003 lontanamente paragonabile a quello appena passato, che resta cmq di gran lunga uno dei periodi invernali pi cruenti di sempre. Tale stazione di rifermimento ha una media mensile di febbraio di circa +3c, il febbraio 2012 ha riportato una media mensile di -1,6. Quasi 5c di media in meno. Caratteristica termica non isolata, ma che ha caratterizzato, magari in modo meno accentuato, tutto il territorio regionale.





Minime assolute del mese - Rete meteo AQ Caput frigoris

Avezzano: -24,2c
Avezzano est: -21,5c
Campo Felice: -32,1c
Capestrano: -15,6c

Castel di Sangro: -20,4c
Capistrello: -21,9c
Carsoli: -13,3c
L'Aquila Cansatessa: -19,1c

Monte Genzana: -13,8c
Navelli: -25,1c
Ovindoli: -18,3c
Passo Godi: -18,6c

Pescasseroli: -20,2c
Pietrasecca: -13,2c
Pizzoli: -13,3c
Rocca di Mezzo: -19,3c

Santo Stefano di Sessanio: -16,0c
Scanno: -13,0c
Tagliacozzo: -28,6c
Valle del Salto: -25,5c

Marsia: -35,8c
Piani di Pezza: -37,4c

Medie del mese - Rete meteo AQ Caput frigoris

Avezzano: -1,6c
Avezzano est: -1,6c
Campo Felice: -6,6c
Capestrano: 1,1c

Castel di Sangro: -1,2c
Capistrello: -1,2c
Carsoli: 1,3c
L'Aquila Cansatessa: -0,4c

Monte Genzana: -6,6c
Navelli: -3,1c
Ovindoli: -3,6c
Passo Godi: -5,0c

Pescasseroli: -3,0c
Pietrasecca: -0,6c
Pizzoli: -0,4c
Rocca di Mezzo: -3,9c

Santo Stefano di Sessanio: -2,6c
Scanno: -1,6c
Tagliacozzo: -3,3c
Valle del Salto: -1,9c

Marsia: -6,5c
Piani di Pezza: -7,6c


Un po' di storia

I ricordi di molti sono tornati al famoso inverno del 1956. Inverno freddo e nevoso per eccellenza. Con anch'esso un febbraio pieno di grossi eventi nevosi
Di seguito a confronto il palazzo comunale di Avezzano (AQ). Entrambe le foto sono state fatte all'inizio dei rispettivi periodi freddi. Dal taglio della neve al suolo e dall'accumulo sui tetti del palazzo si pu notare come la portata dalla prima grande nevicata sia molto similare. Quello che poi differenzia i due inverni il seguito. Molto pi lungo e ricco di neve quello del 1956. Avendo noi ancora vivo il freddissimo ricordo del febbraio 2012 fa' rabbrividire il pensiero che 56 anni prima ci sia stato un inverno ancora pi cruento.







© copyright
Parte del materiale fotografico stato messo a disposizione dai soci dell'associazione AQ Caput frigoris. Ci scusiamo per eventuali mancate citazioni delle fonti.
L'uso, da parte di terzi, dei dati meteo raccolti e delle foto, proibito, se non espressamente autorizzato dall'associazione "L'Aquila Caput frigoris".