L'editoriale di Thomas Di Fiore

Socio Consigliere dell'associazione
AQ Caput frigoris

Temporali più presenti lungo l’arco alpino ed a tratti sull’appennino

Editoriale del 16/07/2017

Il mese di Luglio è al giro di boa e in ogni caso stiamo per assistere al passaggio di un fronte perturbato che dalle regioni settentrionali, si porterà su quelle centrali nella serata di oggi, Lunedì 16. Nella notte, ancora fenomeni, poi, passato il tutto, rimarrà in ogni caso dell’instabilità pomeridiana, ancora domani, sia su alpi ed appennini, mentre nei giorni ancora a venire, solo il nord sembra che subirà altri fenomeni temporaleschi. Avremo, già a partire da queste ore un calo delle temperature, da nord verso sud, di qualche grado, mentre nel corso della settimana, di nuovo un aumento con valori oltre i 20°c ad 850 hpa, potrà verificarsi tra centro e sud. Intanto nella giornata di domani, Martedì 17 Luglio, passato appunto il fronte perturbato, il cielo si presenterà poco nuvoloso sulle regioni settentrionali, della nuvolosità legata al passaggio della perturbazione, ancora sarà possibile tra basso Marche, Abruzzo, Molise e Puglia. Nel corso del pomeriggio, degli addensamenti non mancheranno lungo l’appennino centrale e meridionale, con qualche rovescio nelle zone interne. Disturbi anche su alpi e prealpi, con qualche fenomeno sparso. Temperature oramai scese di qualche grado, si manterranno tra i 17 ed i 18°c ad 850 hpa, praticamente un po' ovunque sul territorio Italiano, venti in genere dai quadranti settentrionali. Mercoledì, buono su gran parte della penisola, tuttavia, la solita nuvolosità a carattere cumuliforme, potrà essere presente prima di sera sui rilievi alpini ed appenninici, con fenomeni a carattere di rovescio, ma nulla di rilevante alla fine. Temperature in lieve aumento, soprattutto lungo la fascia alpina, venti da nord est sulle adriatiche, da ovest-nord ovest, su quelle tirreniche. Giovedì, non cambierà granchè, disturbi pomeridiani sulle località alpine e tra l’appennino centrale e meridionale. Leggero aumento delle temperature, ventilazione come il giorno precedente. Venerdì, tempo bello su buona parte del nostro territorio nazionale, con l’anticiclone di estrazione sub tropicale in rinforzo, ma degli addensamenti lungo l’arco alpino, apporteranno dei fenomeni anche a carattere moderato nel corso delle ore pomeridiane. Meglio lungo la fascia peninsulare. Ventilazione meridionale sulle due isole maggiori e sui versanti tirrenici, orientale su quelli adriatici. Temperature in aumento al centro sud e specie sulla Sardegna con valori ad 850 hpa tra i 23 ed i 24°c, per cui qualche località potrà anche toccare i 40°c di massima. Sabato, di nuovo, la pressione tenderà a scendere un po', la quale, tornerà ad apportare dei nuovi fenomeni soprattutto al nord e su parte del centro nord, nel corso del pomeriggio. Meglio andrà al sud. Temperature in leggero calo al centro, stazionarie al sud. Ventilazione occidentale. Infine Domenica, al momento, appare con la probabile formazione di una goccia fresca ed instabile sulle Baleari, la quale potrà essere responsabile di un guasto del tempo con piogge e temporali su buona parte del settentrione, specie sulla parte occidentale, mentre via via, verso sera anche sul centro, prima di sera. Temperature in calo al nord e sul centro, venti da ovest-nord ovest, in qualche caso come la Sardegna, anche tra moderati e forti.

In Abruzzo
Dopo il passaggio di questo fronte instabile, rimarranno ancora delle precipitazioni nel corso del pomeriggio di Martedì. Meglio in fin dei conti tra Mercoledì e Venerdì, come Sabato, ove tuttavia qualche disturbo di breve durata non sarà da escludere. Temperature in aumento, con valori ad 850 hpa sui 20°c circa.Invece, al momento, attenzione tra il pomeriggio e la sera di Domenica, ove qualche temporale di entità moderata se non forte in qualche caso, potrà essere presente, temperature in calo.

Thomas Di Fiore


Free Web Counter