L'editoriale di Thomas Di Fiore

Socio Consigliere dell'associazione
AQ Caput frigoris

Goccia fresca ed instabile ad inizio settimana, seguiranno condizioni piuttosto variabili

Editoriale del 15/07/2019

Le condizioni meteo che hanno toccato soprattutto le regioni adriatiche nella metà della settimana scorsa hanno avuto delle condizioni davvero drammatiche, in quanto gli eventi grandigeni che si sono manifestate ad Ancora, Pescara hanno dato luogo ad una distruzione appunto per la grandezza dei chicchi, dell’ordine di una mela, per intenderci. La violenta tromba d’aria che ha toccato l’area di Milano marittima, con venti ben oltre i 200 km/h, hanno sradicato moltissimi pini secolari. La situazione , insomma sembra si stia facendo purtroppo sempre più seria, in qualità di eventi estremi. Detto questo, vediamo comunque come potranno essere i prossimi giorni, in quanto, da subito una goccia fresca, dalle Baleari, tenderà a scivolare verso il tirreno, apportando rovesci e temporali su gran parte della penisola. Poi, dopo un generale miglioramento nella giornata di Mercoledì, qualche rovescio sparso potrà manifestarsi sulle aree montuose, come comunque vedremo qui di seguito. Lunedì 15, al mattino, nuvoloso al nord e sulle regioni centrali. Un po' meglio sulle regioni meridionali. Seguiranno, appunto per la goccia fresca ed instabile, dei fenomeni a carattere di rovesci temporaleschi sulle zone alpine e a seguire su quelle centro settentrionali della fascia peninsulare. Tempo in peggioramento anche sulle regioni meridionali con temporali tra moderati e forti soprattutto sulla Lucania e Calabria. Tendenza a miglioramento sulle regioni settentrionali nella serata. Temperature in leggero calo ovunque, ventilazione in genere orientale. Martedì, non male sulle regioni settentrionali, anche se ci sarà spazio per qualche fenomeno sparso. Ancora piogge sul medio e basso adriatico, ma tutto in traslazione verso levante entro la sera. Ventilazione sempre nord orientale, temperature stazionarie, con valori tra i 13 ed i 16°c ad 850 hpa. Mercoledì, ci sarà spazio per dei fenomeni lungo l’arco alpino, soprattutto nelle ore pomeridiane. Meglio invece lungo la fascia peninsulare , dove a parte qualche addensamento, saranno davvero irrilevanti delle precipitazioni. Venti sempre dai quadranti orientali, temperature senza grandi variazioni o in leggero aumento. Giovedì, invece, a quanto pare, torneranno molto probabilmente dei fenomeni al nord e sul centro, su quest’ultimo nel corso delle ore pomeridiane. Sulle regioni meridionali, tempo un pochino migliore. Temperature in leggero aumento al centro nord, stazionarie al sud., ventilazione a rotazione ciclonica. Venerdì, fenomeni già dalla notte e dal primo mattino sulle regioni settentrionali, dal primo pomeriggio, qualche temporale sulle regioni centrali, meglio sulle regioni meridionali. Temperature in leggero aumento al centro al sud e sull’arco alpino. Venti in genere da est nord est sulle adriatiche, da ovest altrove. Sabato, non sarà molto diverso, se vogliamo, almeno come sembra al momento. Temperature senza grandi variazioni di rilievo, ventilazione press a poco come il giorno precedente. Infine uno sguardo a Domenica, che non appare tanto malvagia, anche se tuttavia dei fenomeni sulle alpi e lungo la dorsale appenninica, nel pomeriggio, non sarà da escludere.

In Abruzzo
Stiamo per assistere ad un nuovo peggioramento delle condizioni del tempo, con dei fenomeni a carattere moderato su buona parte della nostra regione, poi dopo delle condizioni di bel tempo nella giornata di Mercoledì, Giovedì e fino a Domenica, potranno trovare spazio dei fenomeni pomeridiani a carattere di rovescio. Temperature miti, ma non calde, con valori compresi tra i 13 ed i 16°c ad 850 hpa. Ventilazione generalmente da est.

Thomas Di Fiore


Free Web Counter