Ubicazione geografica Ubicazione fisica
  • Latitudine
  • 42,35 Nord
  • Altezza termoigrometro
  • 200 cm
  • Longitudine
  • 13,40 Est
  • Schermatura
  • Schermo Davis passivo
  • Altitudine
  • 700 metri s.l.m.
  • Tipologia
  • Urbana
  • Posizione del luogo
  • Valle
  • Terreno
  • Prato erboso rado
  • Clima
  • Df scala Koppen
  • Altezza anemometro
  • 260 cm
    Strumentazione
    Stazione Davis Vantage Pro 2 Wireless
    Descrizione morfologica e climatologica della località

    La stazione Davis Vantage Pro 2 Wireless è posizionata ad un’altitudine di 700 metri s.l.m., presso la zona della Torretta, distante circa 3 chilometri dal centro di L'Aquila, di cui fa parte, capoluogo circondato, in particolare, dalla catena del Gran Sasso e da quella del Velino-Sirente. La posizione e la quota rendono il clima della zona più continentale che mediterraneo tanto che lo stesso si potrebbe meglio inquadrare nella fascia del clima temperato subcontinentale, con estati calde e relativamente asciutte ed inverni abbastanza rigidi per quanto sempre meno piovosi. A causa dell'altitudine e soprattutto della posizione nel cuore di una vallata non particolarmente ampia, racchiusa da alti rilievi, le escursioni termiche in periodi di alta pressione possono essere notevoli soprattutto quando risultano esaltate da bassi tassi di umidità. Gli accumuli pluviometrici medi annui sono attorno ai 700 millimetri, concentrati soprattutto nelle stagioni intermedie, con autunni generalmente più piovosi delle primavere: i sempre più lunghi periodi siccitosi che caratterizzano, ormai, il clima anche nell’intera area mediterranea, tuttavia, evidenziano un’inesorabile tendenza alla diminuzione delle precipitazioni. L'Aquila è meno nevosa, in termini di neve accumulata, di altre cittadine abruzzesi poste, per esempio, tra le colline del chietino o del teramano, meglio se ai piedi della Maiella. La presenza del Gran Sasso, infatti, risulta un baluardo per le correnti balcaniche che provengono da Nord - Nord Est. La città risulta invece meglio esposta alle correnti atlantiche che giungono da Ovest, che, più probabilmente, portano la pioggia. La ventilazione è generalmente abbastanza sostenuta, favorita anche dalle circostanti montagne che ne permettono spesso la presenza sotto forma di brezze costanti. Durante la stagione invernale la neve, quando le condizioni sono tali da fovorirne la permanenza al suolo, garantisce repentini cali termici soprattutto durante la notte, con temperature molto rigide - anche prossime, nelle aree appena extra-urbane, ai 15/18°c sotto lo zero, in assenza di ventilazione e/o con valori igrometrici non elevati.

    Foto

    Stazione meteo


    Dettaglio stazione meteo